UEEEEEEE!!!! – I’m waiting for…la Notte Bianca

19esimo giorno ante-Ikea. Primo vagito, primo articolo del blog. Estate quasi finita, scuola alle porte (e chissene tanto io è da un pezzo che non ci vado più, anche se molti, compresa mia madre e la mia prof, stanno ancora aspettando e pregando il Cielo che io prenda questo benedetto pezzo di carta!) e, stasera, la mitica notte bianca! WOW! Non bastavano già Natale, Capodanno e Ferragosto…adesso bisognava per forza inventarsi anche un’altra occasione per buttarsi in strada e schiamazzare fino all’alba. Inspiegabili fenomeni di aggregazione collettiva. Sostanzialmente innocui, ma sono davvero così divertenti? E poi, scusate…ma la notte non era fatta per riposare o, forse, ormai siamo del tutto accondiscendenti alla logica del “chi dorme non piglia pesci”? Comoda complicità di circostanza. E allora, così sia. Andiamocene tutti “a pesca” stasera! Nelle piazze, per le strade, tra concerti chic e atmosfere schock, regoliamo il nostro volume sulla frequenza ultrasonica della folla e tuffiamoci in un tour che inizia doverosamente con l’aperitivo e finisce, per forza, con cornetto e cappuccino. Mi raccomando, però, domani pomeriggio, poi, tutti in giro con griffatissimi o taroccatissimi (tranqui, non li riconosce nessuno!) occhiali da sole copri-occhiaie per narrare, a suon di sbadigli, l’entusiasmante delirio della vostra notta bianca. Ma, per favore, siate consapevoli del fatto che non c’è un premio o una medaglia per colui o colei che, nella gara ad’oltranza dell’“a che ora sei andato a dormire?”, millanta l’audacità di non aver ancora messo piede nella propria camera da letto!!!

E mentre in tanti stasera faranno di tutto per fare tardi, a caccia di qualcosa di veramente eccezionale da raccontare domani, laggiù, sono, ormai, mesi che in molti la notte la passano in bianco a lavorare per completare, entro la fatidica data, quell’immenso scatolone gialloblu delle meraviglie! Mancano solo 19 giorni al “giorno x”. Poi, niente sarà più come prima. Ma chissà se stasera anche lì dentro c’è una festa?

 

 

 

 

7 comments

  1. Giampy ha detto:

    Caro punta di penna, non potevo che essere il primo ad intervenire nel tuo Blog.
    anche tu sei finito nel magico mondo dei blogghisti o come si chiamano? comunque complimenti ed in bocca al lupo per questa nuova avventurA ASPETTO TUE NOTIZIE . . .avrei un paio di progettini..SAI COM’è …..VADO PAZZO PER I PIANI BEN RIUSCITI
    ciao punta di penna

  2. Mauro ha detto:

    Anche se non sono stato il primo (sigh!) volevo esserci pure io fra i tuoi estimatori a salutarti!!! Un grandissimo in bocca al lupo per questo nuovo “cammino” che, mi auguro, ti porterà sempre più lontano, sulle ali dell’estro e della fantasia (NONCHE’ DEL SUCCESSO)….!!!!
    Vai così, grande!

  3. Nicola ha detto:

    Mi dispiace deluderti caro giampy ma il primo ad intervenire in questo blog sono stato io anche se non in questa discussione..
    Di seguito ti riporto il mio intervento con tanto di data e ora..
    Seppur di soli 13 minuti..ti ho preceduto!
    HIHIH

    “Settembre 9th, 2006 | 20:09
    ma che sarebbe lo scatolone gialloblu?
    Ma ti sposi?
    Vuoi fare casa? devi comprare i mobili?
    Ma un sito decente non ti serve?
    Vuoi un preventivo?
    Hihi
    Ciauz da chi il foglio di carta seppur rubando e sculando è riuscito a prenderlo!
    Nicola “

  4. Rino ha detto:

    la notte bianca, o “in bianco”… Chissà, può essere che inconsciamente sia la voglia dell’uomo di vincere il buio e l’oscurità, simboli archetipi della morte e dell’oblio… Ma forse per farsi ricordare si potrebbe far di meglio…
    Ciao! Vai così!

  5. uomosenzaqualità ha detto:

    Non partecipo alla gara per essere il primo, del resto ormai sarei solo medaglia di cartone, preferisco la tararuga al “piè veloce…Le notti bianche non sono la mia specialità, però partorire in una notte bianca mi sembra degno di nota, e a questo conta dar testimonianza. Credo comunque resti confermato quanto già soteneva Kierkegaard: “…per dormire ci vuole del genio.”

  6. […] di In Punta di Penna nella Rete. E francamente mi fa proprio uno strano effetto rileggere il mio primo post…era un momento un po’ particolare della mia vita in cui, dopo svariate e non sempre […]

  7. […] ci sono buttato dentro “in punta di penna”…. Il tuo primo post? Beh, era il 19° giorno ante-Ikea, croce e delizia di una gran parte dei miei primi scritti. Era settembre, la vigilia della notte […]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *