Tag Archive for incidenti-stradali

Senza casco, senza testa…

304° giorno post-Ikea.

Non ho mai indossato un casco perchè non sembrano fighi…“Non ho mai indossato un casco perchè non sembra figo”

“Non mi piace indossare il casco perchè mi rovina i capelli”

“Non voglio indossare il casco perchè mi fa sembrare stupido”

Ogni anno, migliaia di persone muoiono sulle strade di tutto il mondo e tante altre restano gravemente ferite. Questo significa che migliaia di famiglie perdono pezzi. Famiglie che sono torturate dalla perdita di un loro caro. Famiglie che vengono menomate dal reddito ridotto o dall’improvvisa necessità di cure per un parente con un danno celebrale permanente. La triste verità è che quasi la metà di questi casi poteva essere evitati semplicemente indossando il casco. E quando pensi a questo, non ci sono scuse.

Non mi piace indossare il casco perchè mi rovina i capelliSenza mezzi termini questa campagna di sensibilizzazione appena lanciata in Vietnam dalla AIPF (Asia Injury Prevention Foundation) per promuovere alcune fondamentali norme e comportamenti di vitale importanza in fatto di sicurezza stradale come l’uso del casco.

In Italia chi guida un ciclomotore senza casco [maggiorenni compresi] rischia oggi una multa da 30 a 170 euro, oltre che il fermo del veicolo per 2 mesi. Peggio ancora per gli incoscienti recidivi che, in caso di seconda infrazione, dovranno fare a meno delle loro dueruote per 90 giorni.

Ma siamo sicuri che siano veramente multe e presunte astinenze forzate [cfr la custodia del mezzo è affidata al proprietario del veicolo con il divieto di utilizzarlo…] il vero spauracchio per chi il casco non lo allaccia o non se lo mette proprio? Siamo sicuri che la mancanza di adeguati controlli da parte delle Non voglio indossare il casco perchè mi fa sembrare stupidoForze dell’Ordine [alle quali, però, specie in certi contesti di grave degrado sociale, non si può davvero chiedere di più…], laddove non diventi addirittura tolleranza, non rischi di essere un lasciar correre qualcosa che, invece, va assolutamente fermato? Oggi che, dopo un momento di tregua e di calma apparente, nemmeno la patente a punti sembra più essere un deterrente abbastanza efficace per prevenire stragi e ombre di sangue sulle nostre strade, forse è il caso di ricominciare a pensarci. Anche se è assurdo che si debba aver più paura di una multa salata o di perdere punti, quando lo spettro più terrificante dovrebbe essere quello di spaccarsi la testa o [peggio ancora] di rischiare una fatale ed irreparabile GAME OVER…per pensarci.

PS: guardando questo agghiacciante spot, i cinefili non avranno potuto non riconoscere la colonna sonora firmata da Fiorenzo Carpi per il film “Incompreso” di Luigi Comencini…anche alcune scene sono una palese citazione di quella splendida e malinconica pellicola…

Crash test: video per non fare la figura dei pupazzi…

222° giorno post-Ikea.

crash test video dummiesVista così, è la solita giornata di sempre. Un copione fotocopiato regolarmente in ogni singola casella del calendario annuale della lunga stirpe dell’homo medius. Eppure è in giornate così che si avverte quella strana percezione di un qualcosa che sta per succedere…Ecco una scena che è una palese citazione dell’inizio di The Truman Show. Solo che qui al posto di Jim Carrey c’è uno dei diretti discendenti del primitivo Sierra Sam, primo esempio di manichino da crash test ideato nel 1949 da Samuel W. Alderson , poi evoluto in tre generazioni del più sofisticato modello della famiglia Hybrid di cui, nel corso del tempo, sono entrati a far parte anche gli “umanoidi” SID, BioRID, CRABI e THOR. Senza dimenticare che prima dell’avvento dei dummies, in questo genere di esperimenti, venivano utilizzati [che brutta cosa!] dei cadaveri e successivamente anche dei volontari in carne ed ossa [terribile!]. Ma a vedere questo spot del Ministero dei Trasporti della Finlandia, sembra proprio di essere tornati ai tempi di Lawrence Patrick, professore della Wayne State University, che, insieme ad un gruppo di suoi studenti, scelse, nel nome della scienza, di fare da cavia umana per una serie di test a dir poco massacranti. Attenzione, però, il senso di questo messaggio è tutt’altro…ALLORA NON FATE I PUPAZZI E ALLACCIATEVI LE CINTURE DI SICUREZZA!…perchè, in certi casi e al di là di tutti i fatalismi, quella che sembra una giornata qualsiasi può trasformarsi [purtroppo] in una giornata da dimenticare…per pensarci…