Tag Archive for ikea-ancona

Il primo blogger-anno di In Punta di Penna…

345° giorno post-Ikea.

In Punta di PennaE già passato un anno. Esattamente 365 giorni e 273 post fa iniziava l’avventura di In Punta di Penna nella Rete. E francamente mi fa proprio uno strano effetto rileggere il mio primo post…era un momento un po’ particolare della mia vita in cui, dopo svariate e non sempre felici vicende personali, stavo finalmente cambiando pelle. E proprio in questo mio percorso di metemorfosi, è stata fondamentale l’esperienza del blog. Ho ritrovato il piacere di scrivere e di raccontarmi libera-mente. Tutta “colpa” o tutto merito, però, dell’amico geek GABBO [vero “deus ex machina” di questo spazio] che mi ha convinto ad inziare la mia “carriera” da blogger, facendomi scoprire questo mondo di cui oggi mi sento parte integrante, ma che non considero affatto una specie di Second Life…perchè, almeno per come la vivo io, la blogosfera non è un posto in cui nascondersi o giocare al gioco delle parti, ma è una dimensione reale da affrontare forse ancora più concretamente del cosiddetto mondo “off-line”. Grazie allora agli oltre 150.000 [per un totale di quasi 340.000 pagine visualizzate] che in questi 12 mesi sono passati di qui, ai quasi 600 che hanno fatto sentire la loro voce nei commenti e agli 80 che, ormai, hanno il buon cuore di seguirmi via feed e a tutti coloro [in particolare Blogo, Blogosfere e OkNotizie] che accolgono sempre ben volentieri i miei contenuti all’interno dei loro network. GRAZIE! GRAZIE! GRAZIE! L’avventura di In Punta di Penna, ovviamente, continua con al fianco il neonato, ma già promettente BlogNotes [mi serviva un blocchetto nuovo su cui prendere appunti…] e la mia inseparabile dolce metà, nella vita e nel web, CheOreSono? che merita una citazione speciale per la pazienza e l’amore con cui asseconda e condivide questa passione ormai comune…senza dimenticare il grande scatolone gialloblu delle meraviglie, il paese dei balocchi svedese che da un po’ trascuro, ma che rimane sempre per me un gran catalizzatore di curiosità e di faits divers…il 28 settembre, tra l’altro, sarà anche il primo anniversario di IKEA Ancona…ed anche se non credo che mi inviteranno, io non potrò mancare con un ricco reportage, come sempre, tutto per ridere e per pensarci…EH!EH!

IKEA cucina la pasta dura per le Marche

215° giorno post-Ikea.

IKEA Le nostre cucine sono fatte di pasta duraEra da un po’ che da queste parti, ufficiosamente e ufficialmente, gironzolavano insistenti rumors riguardo all’andamento in chiaroscuro delle performances del mega-store IKEA di Ancona-Camerano. E pensare che l’avventura marchigiana del colosso svedese dell’arredamento era iniziata in maniera decisamente scoppiettante…ma, col passare del tempo, sembrerebbe che le gonfie vele dell’entusiasmo per il paese dei balocchi gialloblu abbiano progressivamente perso il vento in poppa del mitico open-day. Pare, infatti, che all’IKEA a sud della Zona Baraccola, più che i mobili vadano letteralmente a ruba tutti gli altri articoli del catalogo più famoso del mondo. Per intenderci, i clienti se ne vanno con shopper pieni di complementi d’arredo, gadget, accessori, generi alimentari e compagnia bella, ma di salotti, camere da letto, divani e, soprattutto, cucine nemmeno l’ombra! Davvero un bel grattacapo per lo store-manager Luca Sironi!

Che, a furia di attacchi aerei, l’abbiano avuta vinta i mobilieri indigeni che, senza patire complessi di inferiorità, avevano dato pubblicamente il benvenuto agli Svedesi, offrendo loro persino una bella sedia su cui accomodarsi?!? Vero è che gli abitanti di questa regione da nord a sud, specie in fatto di cucine, sono abituati bene grazie al radicamento storico di marchi [cfr. Scavolini, Berloni, Lube, etc.] che rappresentano, oltre che un asse portante del sistema economico [e quindi occupazionale] marchigiano, una sorta di must per ogni casa che si rispetti. Anche a costo IKEA Liljestad cucina 996 €di qualche sacrificio. E sì, perche il prezzo della superqualità e del prestigio degli splendidi manufatti cucinieri “made in Marche” spesso non è proprio così abbordabile come i 996 euro [elletrodomestici esclusi, of course…] della cucina Liljestad di IKEA, ovvero lo stesso modello protagonista della campagna outdoor che, in questi giorni, tappezza Ancona e dintorni di 6×4 e di locandine ai bus-stop, con uno slogan che parla chiaro: “Le nostre cucine sono fatte di pasta dura”. E per ribadire il concetto, l’annuncio sottolinea con tanto di bollino i “10 anni di garanzia” che IKEA offre ai suoi clienti. In un’altra pubblicità della stessa campagna, invece, si strizza palesemente l’occhio alle giovani coppie che sono “alle prime armi” in cucina e per le quali l’arredamento IKEA rappresenta di sicuro un’opzione allettante in termini di rapporto qualità/prezzo.

IKEA garanzia 10 anniBasteranno queste argomentazioni a smuovere il contesissimo portafogli della regione al plurale e a conquistarne finalmente la fiducia anche per gli acquisti più corposi? O, forse, quello dei marchigiani è soltanto un fatto di pigrizia per cui alla convenienza del fai da te scandinavo, preferiscono la solidità già assemblata e l’affidabilità già collaudata dei mobili “caserecci”? Ma magari non sanno che IKEA ha lanciato anche una linea di mobili, denominata “Stockholm”, di qualità e di classe [e diciamola tutta, anche un po’ di prezzo] superiori. Comunque sia, staremo a vedere chi avrà la pasta più dura…facile scommettere, però, che sarà una lotta all’ultimo giro di brugola…e se, per caso, ci fosse ancora qualcuno non convinto della qualità dei mobili di Ingvar Kamprad può tranquillamente rivolgersi a questa equipe di professionisti disponibili anche per certificazioni a domicilio…