Tag Archive for ancona

Io il mare non lo sento | I can’t hear the sea

403° giorno post-Ikea.

Ancona | Io il mare non lo sentoDicono che appoggiando una conchiglia ad un orecchio si possa sentire il rumore del mare…una suggestione da cui la giovane filmmaker Laura Viezzoli parte per raccontare, in questo cortometaggio, la rappresentazione pieghevole e asciutta [come origami di cigni rimasti a terra senza più acqua per galleggiare] di una vita affacciata su quel Mare Adriatico che bagna la sua Ancona e che, a volte, restituisce all’uomo sul bagnasciuga qualche scheletro disteso sull’ombra di se stesso…o fa naufragare, tra la sabbia e i sassi della costa, qualche conchiglia muta…uno scheletro del mare, appunto.

Questo short movie, tra l’altro, ha fatto parte della official selection delle rassegne internazionali SanFrancisco Indie Fest, Estonian Indipendent Filmmakers e Potenza International Film Festival. Allora buona visione e buon ascolto perchè “…dicono che se appoggi l’orecchio lo senti, ma io il mare non lo sento, direi piuttosto una radio fuori frequenza, o una mosca che ti vola in camera e sbatte sul vetro, o una tv…”

more | www.laphalda.com


Ancona: nuova viabilità in centro [istruzioni per l’uso]

285° giorno post-Ikea.

Ancona nuova viabilità in CentroOgni giorno, nella vita di ciascuno di noi succede qualcosa. Anche se, a volte, per distrazione o per fretta, non ce ne accorgiamo. Ma succede. Sempre. Figuriamoci quando a cambiare è la viabilità di una città di 100.000 abitanti. Il gran giorno è stato lunedì 9 luglio 2007, una data che di sicuro rimarrà ben stampata nella mente di chi vive ad Ancona. Il capoluogo delle Marche, infatti, dopo aver inaugurato un anno fa la Galleria S. Martino grazie a cui il Centro ha finalmente avuto un altro ingresso, ha attuato la pedonalizzazione completa di una delle sue principali “arterie”, Corso Garibaldi. Sottosopra, invece, la viabilità dell’altra grande via parallela del cuore della città dorica, Corso Stamira, in cui è stato incanalato su due corsie [quella centrale e quella di destra] il traffico privato e i mezzi pubblici in uscita da Piazza Cavour. La terza corsia è adesso percorribile solo in entrata per chi arriva dal Porto, fino all’incrocio con Via Podesti dove i veicoli in transito [ATTENZIONE!] sono costretti ad una deviazione obbligatoria. Inevitabili [ma erano prevedibili] le lamentele e le proteste dei commercianti del Centro che in qualche modo vedono terribilmente a rischio i loro affari. Ma, in realtà, l’ambizioso obiettivo con cui è nato questo progetto è quello di un vero e proprio rilancio del Centro Storico, a partire da una ristrutturazione completa della nuova area pedonale [con tanto di nuova pavimentazione] in modo da garantirne una progressiva e meritata valorizzazione. Con la speranza che la gente inizi ad apprezzare anche l’utilità e la comodità dei mezzi di trasporto pubblici che, a questo punto, dovranno dare per forza un’ulteriore prova di efficienza per risultare un’opzione più appetibile agli occhi dei cittadini. Insomma, l’evoluzione necessaria, come l’ha definita il Comune di Ancona nell’apposita campagna di informazione ideata per l’occasione. Staremo a vedere…intanto guardatevi pure questo video in cui [grazie all’indispensabile collaborazione di Gabbo e Anconews] abbiamo provato a far vedere il prima e il dopo della rivoluzione del traffico nel Centro di Ancona…per pensarci…

Tutti a caccia della catenella!

278° giorno post-Ikea.

La catenella di AnconewsDa quando costui ha fatto quel film, tutta Italia è impazzita per i lucchetti. Ma che barba! Che noia! Molto meglio la catenella di AncoNews! Vi ho già parlato di loro QUI. Beh, ad Ancona è ormai il gioco del momento con fronde di giovani intenti in questa originalissima caccia al tesoro che promette di diventare senz’altro la moda più cool dell’estate 2007.

Cosa bisogna trovare? L’oggetto del desiderio è una banalissima catenella blu [cfr. quelle che dovrebbero fungere da antifurto per le biciclette], rigorosamente “made in China” che, di volta in volta, viene nascosta in una location segreta del capoluogo marchigiano.

Ma come si fa? All’inizio bastava seguire gli indizi che quelli di AncoNews davano nel corso del loro web-video-magazine, ma poi l’affare si è allargato, sviluppando dinamiche estremamente divertenti…

Cioè? Grazie al passaparola digitale e terrestre, sono entrate in gioco sempre più persone, gruppi di amici [qualcuno ha anche creato un BLOG dedicato] che ora si sfidano a chi trova e nasconde prima la catenella. Il sito “ufficiale” con tutti gli ultimi aggiornamenti è, invece, questo: www.catenella.com

In pratica? Chi trova la catenella deve postare un video di risposta su YouTube a colui che l’aveva nascosta precedentemente documentandone il ritrovamento e successivamente fornendo un’immagine del nuovo nascondiglio, includendo almeno un indizio con cui dare di nuovo il via alla caccia.

Le regole del gioco? Fondamentale è possedere un gran senso dell’umorismo e avere il coraggio di mettersi in gioco e di metterci la faccia, con rispetto, educazione, savoir-faire e, ovviamente, tanto buon senso!

Perchè tutto questo? Perchè sì e perchè è davvero divertente un gioco che finalmente va dentro e fuori della Rete, fino a scoprire gli angoli più nascosti di una città che non si finisce mai di conoscere.

E la combinazione? Alla fine anch’io non ho resistito alla tentazione di andare a stanare la mitica catenella e, così, visto che davanti al punto “X” dove era stata agganciata dallo scaltro GabNed ci passo praticamente tutti i giorni per tornare a casa, è stato molto facile, ricollegando le varie informazioni, trovare la soluzione. E poi, sono corso a naconderla QUI [ah, volete sapere qual è la combinazione? Guardate il video…]

6 luglio 2007 [280° giorno post-Ikea] INDIZIO 2: cari amici, visto che la catenella sembra introvabile, vi concedo un altro indizio: “A Bush una volta sarebbe piaciuto un sacco, oggi, invece, lo preferiscono i figli dei fiori…”