Sic1: ADSL a 9 euro anche per i piccoli comuni made in Marche

64° giorno post-Ikea.

adsl sic1 a9 euro marche Anche nelle piccole realtà si può avere il coraggio di fare grandi invenzioni. Ecco, così, la rivincita tecnologica di una bella parte di quella sconfinata prateria di campanili che è la provincia italiana. Proprio ora che si ritrova fare i conti tutti i giorni con un colosso multinazionale come Ikea, nuovo colonizzatore dell’Italia in una regione.  

Il problema è il digital divide, cioè il divario nell’accesso alle nuove tecnologie, dei piccoli comuni nei confronti delle grandi aree urbane e industriali. La soluzione, invece, arriva proprio dalle Marche, grazie ad una società interamente pubblica, la Sic1, che propone alle amministrazioni locali di consorziarsi per fornire a prezzi bassi l’accesso a internet ad alta velocità (Adsl) a tutti quei cittadini rimasti “scoperti” dalle compagnie telefoniche tradizionali.

“L’idea – spiega Luca Vincenti di Sic1 – è nata da un pioniere, Stefano Ricci, che insieme a Luca Casadio ha voluto compiere una scelta coraggiosa: far nascere una società all’interno di un comune. Il nostro concetto di connessione a internet ad alta velocità è un po’ come quello dell’acqua, che dev’essere garantita a prezzi bassi a tutti i cittadini”. 
A dare il La a questa intraprendente iniziativa è stato il comune di Chiaravalle in provincia di Ancona, allargandosi progressivamente e riscuotendo molto successo anche in altri 42 cittadine. “Il traguardo più importante di Sic1 – continua Vincenti –  è quello di poter fornire la linea Adsl a nove euro al mese. Certamente non è cosa facile e non tutti ci hanno aiutato: molte società telefoniche, infatti, non vedono di buon occhio la nostra iniziativa. Noi però andiamo avanti e possiamo dire ad alta voce di aver dimostrato come una società pubblica possa essere efficace nel distribuire servizi, mettendo in un consorzio comuni che fino a ieri erano considerati minori”.

“Il nostro progetto principale – aggiunge Vincenti – si chiama A9 Adsl e funziona pressappoco così: noi c’impegniamo a far arrivare internet ad alta velocità nel  comune socio, il quale a sua volta la elargisce ai cittadini con sistemi cablati. Laddove il comune lo richieda o quando le abitazioni sono difficilmente raggiungibili con i cavi, allora utilizziamo il servizio di Adsl wireless, senza fili. La connessione che proponiamo ai cittadini viaggia a due megabit al secondo con una banda minima garantita di 64 kilobyte, quindi è un servizio di tutto rispetto. Internet wireless è già attivo in quattro comuni, che entro la fine dell’anno diventeranno 32. Si tratta sicuramente di un importante progetto: alcuni dei paesi dove stiamo portando internet non hanno nemmeno la copertura dei telefoni cellulari”. 

Tra gli altri progetti di Sic1, che comprende moltissimi comuni delle Marche tra cui Sassoferrato, Sant’Elpidio a Mare, Camerata Picena e Pergola, e che si avvale della partnership di importanti società del settore, tra cui Cisco Systems, Dell, Siemens e Telecom Italia, c’è anche quello, da inizio gennaio, di allacciare i comuni con un servizio di totem. Questi, dislocati nei punti più importanti della città, permetteranno non solo l’accesso a internet gratuito senza fili nelle strade limitrofe, ma anche la possibilità per i turisti di guardare la mappa della città e ottenere informazioni, e per i cittadini di avere uno scambio concreto con la pubblica amministrazione.

All’interno di A9, inoltre, è presente anche un servizio chiamato Silver Age, ideato per la fascia più debole della popolazione, che prevede l’utilizzo di una tecnologia che consente agli anziani, in caso di pericolo o improvviso malore, di allertare i propri familiari o i servizi di emergenza.

(Fonte: www.repubblica.it)

2 comments

  1. ferdi ha detto:

    vediamo cosa succedera` e se l`iniziativa avra` successo!

  2. samuel ha detto:

    salve sono un cittadino di potenza piena vorrei piu informazioni riguardo costi ,velocità della banda larga da voi offerta e chi contattare nel tal caso che vorrei usufruire di ciò. grazie

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *