Missione Helsinki: la grande abbuffata

178° giorno post-Ikea.

Il lampadarioLA SERATA – Che nessuno pensi che sono il classico italiano che, quando va all’estero pretende di mangiare, a tutti i costi, pizza e spaghetti. La mia filosofia è posto che vai, cibo che trovi…per cui se si va in Francia, si mangia francese, in Giappone giapponese e in Finlandia? Finlandese of course…Ad attendere me e il resto della truppa, infatti, stasera, su indicazione di un connazionale buongustaio, c’era una splendida cena lappone in un ristorante tipico, il SAAGA…Ma la Lapponia non era la terra da cui veniva Babbo Natale? A meno che quella di Santa Claus non fosse davvero tutta un’altra storia…E le renne non erano, forse, il principale strumento di locomozione della sua slitta? Oddio, mi era già capitato di assaggiarne una tempo fa…ma stasera credo di essere stato l’autore di un’autentica carneficina…Il bello [e la furbata] di questo locale che impressiona anche per gli svariati feticci di animali appesi un po’ ovunque [a partire da questi inquietanti lampadari fatti al 100 per 100 di corna di renna] è che è l’unico della città con il menu in 12 lingue [cinese compreso!], per cui consente di capire ancheGrigliata mista alla finlandese al turista più sprovveduto o meno poliglotta di sapere esattamente quello che sta per mettere sotto i denti…anche se, dando un’occhiata al menu, forse, sarebbe stato meglio restare con il dubbio fino alla fine della digestione…inutile dirlo, si tratta di un ristorante “out” per qualsiasi animalista radicale che, di sicuro, di fronte a questa “sanguinaria macelleria” di bestiame e selvaggina potrebbe vedere urtata [e non poco!] la sua sensibilità ecologista…e così, non avendo avuto il cuore di azzannare il fegato di cucciolo di renna affumicato [ma poverino!], mi sono ampiamente rifatto con questa succulenta grigliata mista di carne con un nome che è davvero tutto un programma…mmmmm…ah, scusate se non mi dilungo oltre, ma “non si scrive a bocca piena!”…eh!eh!

10 comments

  1. Niglio ha detto:

    Ma il tortino di cipolla allo sciroppo di catrame poi l’hai digerito?

  2. Peppi ha detto:

    dovevi andare a mangiare in un ristorante che iniziava con la K!!! Tipo Kalos, Kronos, o qualcosa del genere…
    Quello è iò ristorante TIPPICCO di Helsinki!!! Il ristorante si trova in pieno centro storico… Ma se chiedi ti sapranno dire, come al solitomdi che sei amico di quei giornalisti di M-TV, si apriranno parecchie porte!!!
    BUONA PERMANEZA!!!
    Un abbraccio

  3. Patty-dianamicio ha detto:

    Aaaaah??? Ma che si mangiano questi???
    Grrrr!!! Povera renna (cucciolina). davvero stuzzicante il menù (ahahahahah) sarebbe sato meglio non saperlo!
    Povero stomaco e intestino!

  4. zazza ha detto:

    ale vorrei essere li con te……

  5. zazza ha detto:

    il lampadario è un capolavoro

  6. Gabbo ha detto:

    Zazza says: “ale vorrei essere li con te……”

    Una dichiarazione d’amore……. 🙂

  7. Leonardo ha detto:

    Passi il Tortino di Cipolla ma ….lo sciroppo di catrame ??? Che sapore avrà? Mah!

  8. […] volte ci vuole così poco per far passare la fame a qualcuno. Per farlo sentire in colpa per una grande abbuffata, infatti, basta magari dirottarne l’attenzione sulla fame più grande e più vera di […]

  9. […] – Helsinki, la Finlandia e…le Finlandesi! Ma per favore non chiedetemi più di mangiare questa roba… […]

  10. alessio sebastianelli ha detto:

    Ma come mai solo a me hanno dato un menu scritto solo in finlandese tedesco e inglese?? cucina davvero ottima ma decisamente troppo cara!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *