Missione Helsinki: la finlandese

176° giorno post-Ikea.

Una finlandese-tipoE così, dopo l’arrivo di ieri, anche il mio secondo giorno di permanenza ad Helsinki se n’è andato senza infamia e senza gloria…e alla faccia di tutti i miei amici anconetani che, prima di partire, mi hanno fatto 1000 battutite [dimenticandosi, forse, che sono già fidanzato con la donna più bella del mondo] dicendomi: “Occhio alle finlandesi!”…beh, amici cari, posso tranquillamente assicurarvi che oggi qui ne ho proprio viste di tutti i colori e di tutte le taglie!!! Del resto nello sport, specie nell’atletica leggera, non manca davvero mai occasione di vederne di belle e, soprattutto, in abbondanza! Nell’imbarazzo della scelta, quindi, ve ne propongo una a caso, ricordando a tutti i non anconetani che quando ad Ancona si sente parlare di “finlandese” ci si riferisce esattamente a QUALCOSA DEL GENERE!!! Un giorno, forse, qualcuno me ne spiegherà il perchè…

UPDATE 1: esperti di vernacolo anconetano mi hanno fatto giustamente notare che l’espressione esatta è “filandese”…senza “N”…ok adesso, ho capito tutto…sorry e GRAZIE!  

4 comments

  1. pallyseven ha detto:

    Buon soggiorno dalla lontana Ancona….

  2. barzotto ha detto:

    Salve mister!!!
    Beato te che sei in finlandia… portacene giu’ un paio belle “ruspanti” !!! (non le tute da ginnastica = finlandesi)

  3. Gabbo ha detto:

    Facciamo 3…..

  4. Leonardo ha detto:

    Ciao Alessio mi raccomando copriti che li ci sono gli spifferi Artici!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *