martedì…mercoledì…giovedì…

9°-8°-7° giorno ante-Ikea.

Ancona chiama Ikea o Ikea chiama Ancona? O forse – è meglio – Ikea chiama tutti, Ancona pure. E’, infatti, alle porte, salvo ritardi e imprevisti, il giorno dell’affollatissimo (almeno così si immagina) taglio del nastro…macchè del tronco! Questi son svedesi e alle forbici preferiscono l’accetta! Ma sarà mica un’ascia di guerra? Vero è che se loro hanno, ormai, deciso di colonizzare questa terra con uno stile “chessene” della globalizzazione, sicuramente non risparmieranno colpi e strategie del loro miglior repertorio…ma tranquilli!…trattasi solo di battaglia commerciale a suon di credenze, cassettiere e mobiletti portaoggetti montabili e smontabili, componibili e scomponibili…per quello che riguarda il sottoscritto, quindi, una battaglia (ahimè!) sostanzialmente persa in partenza…nel senso che il mio feeling e la mia manualità in fatto di “fai da te” sono qualcosa di abbastanza virtuale…per intenderci, già da piccolo e, forse, pure oggi, se mi capita di essere alle
prese con un’invenzione semplice, ma geniale come l’ovetto Kinder sicuramente dimostro di avere grande accanimento per il ghiotto guscio bi-gusto di cioccolato e altrettanto disinteresse per il contenuto “sorprendente” dell’ovulo di plastica colorata…ma infondo cosa ci vorrà mai a montare una macchinina o un pupazzetto quando c’è un foglietto delle istruzioni decifrabile persino da un bambino di appena 36 mesi?!? Facile, no?Sì, infatti, alla fine, bene o male, anch’io riesco a mettere in piedi, con soddisfazione, la mia bella sorpresina…ma, non sono sicuro che se dovessi avere tra le mani anche solo un banale tavolinetto “8 pezzi e 4 viti” dell’Ikea, probabilmente, data la mia pigrizia cinetica e la mia comprovata non propensione all’assemblaggio di componenti e all’utilizzo di giraviti e affini, la cosa, per me, potrebbe divenire ben più che un’impresa, senza garanzia per il risultato finale, ovviamente…però, se magari all’Ikea qualcuno pensasse a degli scatoloni di cioccolato per tutta la mobilia “prendi, porta e monta a casa”, non è da escludere che potrei diventare un piccolo campione nell’assemblaggio delle cucine componibili!!!     

One comment

  1. Niglio ha detto:

    Io con le sorpresine dell’ovetto Kinder ero/sono bravissima, quindi non ci dovrebbero essere problemi per montare quella bellissima libreria in legno di betulla che ho visto a pag. 15 del catalogo Ikea.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *