Home-made Olympics | Nel 2008 i Giochi fatti in casa

546° giorno post-Ikea.

Già in archivio questa fantastica trasferta azzurra, da martedì mi sto un po’ deprimendo QUI. Nemmeno il tempo di tornare a casa e, dopo 5 misere ore nel mio lettuccio, eccomi di nuovo lontano 1000 chilometri. Purtroppo era l’unico posto dove, una settimana fa, è stato possibile prenotare [tramite Booking] un albergo last-minute dall’Italia per venire ad assistere a questo evento. Fa un freddo cane e [dolci a parte] non sopporto la cucina francese, ragion per cui non riesco a trovare sollievo nemmeno a tavola. Spero che nessuno abbia il coraggio di invitarmi a cena al mio rientro, perchè il prezzo della mia fame potrebbe costargli davvero molto caro…

Facezie a parte, il mondo in questi giorni è spaccato in due. Al centro della questione le Olimpiadi di Pechino. Andarci o boicottarle? Questo è il problema…Personalmente, per quel poco che ormai conosco dello sport, i Cinque Cerchi sono senz’altro l’ambizione più alta per chi lo vive ad alto livello e, dunque, in maniera puramente agonistica. E mi riferisco soprattutto a quelli che praticano discipline che hanno il loro momento massimo di visibilità e spesso pure di gratificazione proprio in occasione dell’appuntamento olimpico. Sono atleti che lavorano interi anni per questo traguardo, sacrificando se stessi e una parte non piccola della loro vita. Ma vero è anche che l’eccidio messo in atto dalla Cina in Tibet è qualcosa di incommensurabile, di fronte a cui non si può restare senza far nulla. Speriamo bene…per tutti.

Mi permetto di sdrammatizare un po’ con questa soluzione ai limiti del trash, ideata da qualche eccentrico francese, forse specialista di prove multiple, che ha pensato bene di prevenire la questione inventandosi le sue Olimpiadi fatte in casa. Guardate un po’ qui…simpatico, ma per favore DON’T IMITATE, PLEASE!

Via | VIDEOEMME

5 comments

  1. Gabbo ha detto:

    Oh deus!!!! C’è un errore di ortografia in questo post!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

  2. Dive ha detto:

    IMPOSSIBILE…NON CI CREDO….non perdo nemmeno tempo a trovarlo perchè SO che non è possibile….

    vero!??!?!

  3. devin ha detto:

    scusatemi mi voreste spiegare xke atletica leggera se alla fine e pesante? kmq io ho 11 anni e il mio record al salto in lungo e di 4,56 m (e sn una femmina)

  4. Immagina che un uomo entri in una casa con la violenza.
    Immagina che picchi tutte le persone, in quella casa, senza fare distinzioni fra uomini donne e bambini.
    Immagina che rimanga lì, affermando che quella casa è diventata per legge, sua.

    Immagina che quest’uomo poi faccia una grande festa ed inviti te e tanti altri come te, che sanno lui cosa ha fatto.

    Cosa faresti?
    Andresti a quella festa ?
    E se la casa ottenuta con la forza fosse stata la tua?
    Questa non è una storia inventata: è pressappoco ciò che è accaduto in Tibet e che continua ad accadere sotto i nostri occhi.

    Le Olimpiadi sono un’occasione di ricchezza per la Cina.

    Ma le Olimpiadi possono produrre ricchezza solo se esistono uomini che tappando la voce della loro coscienza, guardano questo spettacolo sporco di sangue.

    Se nessuno andasse a Pechino o accendesse il televisore per vedere l’evento, ci sarebbe solo un grande e clamoroso flop a livello mediatico!
    Perciò non c’è bisogno che tu faccia gesta eclatanti. Per aiutare chi soffre e per dimostrare il tuo dissenso a questi metodi barbari, è sufficiente che tu spenga il televisore.

    Non guardare uno spettacolo sporco di sangue!
    Boicotta le Olimpiadi! Spegni la tv!
    Diffondi questo messaggio.
    Firma la dichiarazione su http://www.nochinagames.com
    info@nochinagames.com

  5. […] Arbitrale dello Sport) di Losanna potrebbe far diventare finalmente realtà: partecipare alle Olimpiadi di Pechino accanto agli atleti normodotati. Anche se non faccio fatica ad immaginare il gran clamore che si […]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *