Goccia

Una goccia. Precisa nella sua traiettoria, tenace sulla roccia che scava, silenziosa ma efficace. E’ vero, una cascata è più fragorosa, ma nel suo salto precipitoso finiscono per perdersi tante cose. Una goccia, invece, lascia il segno. Compie un lavoro apparentemente in disparte. Il suo rumore infaticabile è un ritmo che non si arresta. Sai bene che c’è e quello che sta facendo. Non ci gira intorno, una goccia va dritta al punto. Sa ascoltare perchè ha memoria. Si ricorda sempre da dove viene. Conosce il suo mondo, gli sorride, a volte borbotta e, anche quando se ne va, lo fa adagio. Con discrezione. Tornata all’acqua, lascia tanti lembi di sè negli occhi di chi, ogni giorno, l’ha vista essere goccia, fiume e mare. Altre gocce ora dovranno continuare quell’Oceano. Ci siamo perchè tu ci sei. Per sempre. Grazie presidente, grazie Gigi!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *