Elezioni 2008 | Oggi come allora…

553° giorno post-Ikea.

Era il 2001. E tanto per cambiare era un’altra primavera d’elezioni. Mi ha fatto tenerezza [e anche un po’ sorridere] rileggere questo ingenuissimo articoletto ripescato dall’hard-disk di un mio vecchio pc, scritto [a suon di luoghi comuni] dal sottoscritto per un nonricordoquale giornale locale. Oggi come allora le elezioni e il disincanto dei giovani di fronte alla classe politica e alla sua infinita ressa di pretendenti alla poltrona…chi pensa che sia cambiato qualcosa per favore alzi la mano…io non so se sono più ottimista come quando avevo 22 anni…

“Il 13 maggio molti giovani non andranno a votare. Perchè? A sentir loro, i “grandi”, emerge il ritratto di una nuova generazione senza ideali, pigra e viziata da troppe comodità. Del resto, i ragazzi di oggi sono forse i primi a non aver risentito, se non marginalmente, di grossi sconvolgimenti storici. Ma allora è tutta colpa della pace e del benessere se gli “adulti di domani” sono sempre più indifferenti riguardo a ciò che accade sulla scena politica nazionale e mondiale? In passato, è vero, l’impegno politico era di sicuro più sentito e vissuto attivamente, soprattutto a livello giovanile. Oggi, invece, prevale un atteggiamento apparentemente piuttosto disinteressato e apatico verso certe tematiche. Uno dei motivi principali, ma non l’unico, è senza dubbio la diffusa e ormai consolidata sfiducia nella classe dirigente. Pervade, infatti, il senso comune, l’idea di una politica dispersa in una moltitudine di partiti, in cui le solite facce fanno le solite promesse in cambio di un voto. Gli attuali schieramenti, insomma, nel furbesco tentativo di ricostituire, a suon di alleanze, quel Centro rappresentato in passato dalla DC, appaiono poco credibili e incapaci di proporre agli occhi della gente un riferimento saldo e convincente. E così l’arte del buon governo viene ridotta all’arte del tornaconto personale, alla faccia di quelle che sono le reali esigenze del Paese. L’ideologia secondo molti, sembra essere diventata, ormai, solo la maschera della convenienza. Che fine hanno fatto allora le grandi correnti di pensiero che, un tempo, erano in grado di smuovere intere folle? Davvero i giovani del Terzo millennio non hanno una coscienza politica e civile? No. Probabilmente oggi la partecipazione politica, fatta eccezione per alcune falangi estremiste, non è più fonte di forti stimoli come prima. Evitiamo, però di pensare, come purtroppo spesso accade, che allora i ragazzi vadano a ricercare certi “stimoli” soltanto nelle droghe, nell’alcool o in folli corse in auto. In una società sempre più individualista e competitiva come la nostra, spiccano i nuovi valori della realizzazione e del successo personale. È pertanto logico che i giovani investano le proprie energie principalmente in questa direzione. Ma questo non ci autorizza a parlare unanimemente di qualunquismo o indolenza degli adolescenti verso la “cosa pubblica”. La crisi dei grandi ideali, infatti, non significa di certo carenza di idee. Non dimentichiamo che la nuova generazione è senza dubbio la protagonista di un’epoca, la nostra, di profonde e rapide trasformazioni sociali, in cui si deve pensare alla svelta e si ha quindi, sempre meno tempo per riflettere. Si tratta, appunto, di adattarsi a quest’ordine d’idee che richiede flessibilità, dinamismo e la capacità di guardare il presente nell’ottica di un imminente futuro. Globalizzazione, New economy e devolution sono diventati i nuovi argomenti intorno a cui si è reinventato e focalizzato il dibattito politico. È da qui, dunque, che può prendere il via un’altra era della politica italiana, in cui specialmente i giovani trovino spazio e motivazioni importanti.”

Per pensarci un altro po’ vi lascio a questo impeccabile e sopraffino pezzo del grande Giorgio Gaber, intitolato non a caso “L’elezioni”

One comment

  1. […] questo tempo di E-lezioni MTV lancia questa interessante iniziativa ed io rispondo. Prendo il mio nuovo Nokia E65 e la mia […]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *