Archive for Made in Italy

Viva la maestra che cantava “Viva la gente”!

1356° giorno post-Ikea.

Grembiule nero e colletto bianco con appesi certi fiocchi blu o rosa che, a dirla tutta, ci facevano sembrare quasi più pacchi di Natale che bambini di sei anni pettinati a puntino per il loro primo giorno di scuola. A settembre, in quei resti d’estate, noi stavamo per scoprire la prima lettera del nostro alfabeto. Tutti in piedi c’è la signora maestra e allora “Buoooongiornooo” in coro con infantile solennità. Ogni giorno sarebbe stato così. Dalla prima alla quinta elementare. La maestra Luciana o meglio “la Mattioni” come la chiamavano tutti qui in paese, arrivava a scuola con la sua Cinquecento avorio. Abitavamo lungo la stessa strada e se per caso la vedevo passare con quel piccolo bolide di puntualità, per me era il segno che anche quella mattina avrei dovuto rincorrere la prima campanella. In classe lei era la maestra di tutti e, per quei cinque anni, ognuno, in cuor suo, sapeva che sarebbe stata solo “la nostra”.

I numeri in colore come le costruzioni, i disegni sui cartelloni con i boccoli della sua bella scrittura arricciata, il banco da solo in fondo “così non chiaccheri” e quello davanti per i distratti, le favole scritte da noi e le ricerche sull’enciclopedia, le bugie divertenti di Pinocchio e i ragazzi troppo bravi del libro “Cuore”, il quaderno a quadretti piccoli e quello delle parole difficili, i flaconi delle tempere con i grumi e la china aspra dei lavoretti per la festa della mamma e del papà, il coro, la recita e la Pasquella di Natale, le poesie a memoria e il commento, la preghiera prima di iniziare e le offerte per le missioni in Africa di don Vittorione, le corse a ricreazione “ma senza sudare” e quelle con lei che batteva il tamburello nell’ora di ginnastica, le cartine di geografia fatte tutte a mano libera, il gioco del fazzoletto e “Viva la gente”, gli amici di penna che stavano a Torino, la fila per due e il pulmino giallo della gita, i compiti delle vacanze e il capoclasse eletto con i bigliettini una volta al mese, il gelato che ci offriva sempre l’ultimo giorno di scuola.

In ognuna di queste cose c’era una lezione. Dovevamo guardarci bene intorno per vedere meglio che forma dare a noi stessi. Dopo cinque anni passati sotto il suo calandro, le nostre vite erano licenziate per scrivere le loro storie. Per guardare oltre l’orizzonte piccolo di quella conca di provincia rimasta tra le colline, e avere magari il coraggio di provare ad esser qualcun altro. Ma con i piedi e la memoria nel cuore della nostra terra. Dove siamo cresciuti e dove la maestra Luciana ci ha insegnato a leggere, a scrivere e ad essere uomini. Grazie.

Matteo Bruno e tutti quelli che…Cane Secco

1189° giorno post-Ikea.

Lo so che sembro un matusalemme a dirlo, ma questo video è stato una simpatica sorpresa d’inizio 2010 se non altro perchè mette in luce un giovane che per fortuna non c’entra niente con alcuni sfigati della sua età che spesso fanno notizia per altri nefasti motivi. Questo ragazzo romano ha 19 anni e nel giro di pochi giorni è diventato un autentico fenomeno della Rete. Il suo nome è Matteo Bruno e per adesso chiamiamolo ancora soltanto “videomaker”. Ha faccia ed espressività alla Jim Carrey, un senso dell’umorismo già ben affilato e con capacità tecniche di ripresa e di montaggio non da sottovalutare. Date un’occhiata ai cortometraggi sul suo canale You Tube, dove si fa chiamare “Cane Secco”. Vedremo… Intanto, ecco “l’opera” che lo sta rendendo una piccola stella del “Tu Tubo”. Bravo Matteo, era ora che qualcuno tirasse una bella riga sui miliardi di “non indispensabili” gruppi Facebook a base di “Tutti quelli che…”

Nonostante tutto è Pasqua…

921° giorno post-Ikea.

Ecco un’altra storia triste di quella giornata maledetta che ha messo sottosopra tutto e tutti. Lei si chiamava Alessandra Cora ed era una giovane cantante di 23 anni. Imperfetto è il tempo del verbo, ingiusto purtroppo il suo destino: sbocciata l’8 gennaio del 1986 a Capri e strappata alla vita il 6 aprile 2009 a L’Aquila.

Sì, nonostante tutto è Pasqua. Anche in Abruzzo. Anche senza casa e con in testa solo il rumore di quel boato orribile. In questo video firmato dal regista Ferzan Ozpetek, il ricordo della voce di Alessandra e la fotografia delle profonde ferite ad una terra che vuole presto ritrovarsi.

Per pensarci.

p a s q u a . . .

920° giorno post-Ikea.

Tutto qui. Per pensarci. Un po’ in silenzio…

Ogni cosa al suo posto
ora non può più stare
così perfettamente orribile
appoggiata sull’ombra di sè
sotto la punta di un punto
sospesa
a un passo fragile
stammi vicino
tra urla ingoiate
dalla paura della terra
e
semi di speranza
per il mondo che resta.
Pasqua.

Ancona 2009 e l’atletica del Vecchio Continente

918° giorno post-Ikea.

Scusate l’assenza. Ma i primi 3 mesi del 2009 sono stati davvero intensissimi e travolgenti. Tanta atletica ovvero tanto lavoro, ma anche qualche “piccola” soddisfazione. Dalla trasferta a Tampere per Finlandia-Italia (7 febbraio), per passare attraverso i Campionati Europei Assoluti di Torino 2009 (6-8 marzo) fino agli Euroindoor Master di Ancona 2009 (25-29 marzo), cinque giornate frutto di un lavoro di quasi 3 anni che hanno visto il Palaindoor di Ancona, ora ribattezzato Banca Marche Palas, protagonista di un’invasione di quasi 3000 sportivi over 35. E poi l’entusiasmo di tante persone illuminato dal sorriso sempre brillante di chi ha scelto di vivere quest’avventura come volontario. Le risate e le litigate. Le vittorie e le sconfitte. “Zio Ottavio” Missoni e i tanti campioni senza età con le loro “Master Emotions”. Sì, penso proprio che tutto questo me lo ricorderò per tutta la vita…GRAZIE!

1° Real Show Online | Namaste… [tema 5]

868° giorno post-Ikea.

Settimana numero cinque. Ci sono, ma il tema di Gianni Neri stavolta è delicatissimo e lo cito per esteso: “La vicenda di Eluana Englaro ha introdotto il diritto all’eutanasia, al testamento biologico e contro l’accanimento terapeutico, oppure rappresenta l’ultimo stadio della degenerazione politica e morale?”

Io ho provato a rispondere…così…

LINK | il sito del REAL SHOW ON LINE

1° Real Show Online | Nominations… [tema 4]

862° giorno post-Ikea.

Sono ancora qui. E qui le cose sono due: o che mi volete tanto bene oppure che  avete semplicemente una gran pazienza! In ogni caso: GRAZIE! Eccoci alla settimana numero 4.  Praticamente siamo nel mezzo del cammin del 1° Real Show Online…quindi investite ancora qualche prezioso istante del vostro tempo per gurdarvi la mia personalissima interpretazione del tema sottoposto dall’opinionista Alessandro Zaccuri e intitolato “Il Reality, la Tv, la Realtà (Virtuale)” e se volete VO-TA-TE-MI CLICCANDO QUI!!!

Stavolta le immagini e il montaggio del video sono a cura di VideoEmme

Un ringraziamento speciale al TG3 RAI Marche per l’intervista e il bel servizio che mi hanno dedicato nell’edizione delle 19:35 di mercoledì 11 febbraio.

Non potho reposare…

815° giorno post-Ikea.

“…se avessi avuto le ali per volare, mille volte all’ora avrei volato; per venire almeno a salutarti, o solamente per vederti…

Silvia sei qui. Per sempre.