Ballando, ballando…

5° giorno ante-Ikea. 

Beh, è meglio non pensarci! Ora il dovere mi chiama. Oggi, al Palarossini, c’è la dodicesima edizione dell’ANCONA Open. Ed anche se dal nome qualcuno potrebbe pensare ad un torneo di tennis, palline e racchette qui non c’entrano proprio niente. Si tratta, infatti, di un’importante gara nazionale di ballo o, per essere precisi, di “danza sportiva”, e gli organizzatori dell’evento, gli amici dell’Hobby Dance di Loreto, mi hanno chiamato per fare qualche intervista e un articolo. Sarò sincero. Se all’inizio, tra me e me, mi ero detto: “Che tocca fa per campa’!”, poi, mi sono ampiamente ricreduto. E ho scoperto un mondo nuovo. Altro che la Carlucci e “Ballando con le stelle” o, per fare una citazione casereccia, quei simpatici tapascioni de “La nostra gente” di TVRS! Inevitabilmente, all’inizio, appena si sbarca in questa dimensione tutta musica e pallettes, si viene sommersi da una sensazione abbagliante…specie per il sottoscritto che in fatto di ballo, più che la febbre del sabato sera, al massimo può avere il raffreddore del lunedì mattina…si capisce che niente è fatto per caso e che, anzi, tutto è volutamente “issimo”…il trucco delle dame, gli smile a 64 denti delle coppie ai giudici, gli abiti alla Carrà, ma anche la facilità e lo stile da metronomo di ogni singolo movimento…insomma, un’armonia disinvolta, stampata anche sulle faccette innocenti dei ballerini più giovani…ci sono tipette e tipetti appena tredicenni, ma che alla loro età hanno già vinto di tutto con tanto di cameretta dedicata alla loro collezione personale di coppe e trofei…senza parlare della scioltezza “vissuta” con cui rispondono alle domande quando li intervisti…IMPRESSIONANTE! Sanno benissimo dove e come guardare dentro la telecamera…quando si dice “il senso puro dello spettacolo” delle nuove generazioni! Tra i “grandi”, invece, molti “duetti” sono formati spesso da persone che fanno coppia anche nella vita…gran cosa, a mio avviso…mi domando solo cosa possa accadere in pista, quando moglie e marito, a casa, litigano perchè lui, come al solito, si è dimenticato uno di quegli anniversari che una donna, invece, si ricorda sempre…o perchè lui la domenica, per una volta che non vanno a ballare, vorrebbe starsene in panciolle e lei, invece, vuole andare, a tutti i costi, all’Ikea…azz…l’ho detto! Sì ho pronunciato “quella parola”. Questi devono essere i primi sintomi del misterioso “morbo”…eppure qui dentro, tra danze standard e balli latino-americani, mi sentivo quasi al sicuro…e invece…eccoli anche qui…gli invasori, ma avete visto di che colore sono le tovaglie di tutti i tavolinetti della sala?!? Obsession…

Il ballo...   Lo s-ballo...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *